ELASTICITA’ DELLA DOMANDA RISPETTO AL PREZZO

 

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo misura il grado in cui la quantità domandata dagli acquirenti risponde ad una variazione del prezzo del bene. Il grado di elasticità, ossia il suo coefficiente, si misura dividendo la variazione percentuale della quantità acquistata per la variazione percentuale del prezzo.

A seconda poi di tale coefficiente di variazione possiamo avere curve di domanda elastiche, a elasticità unitaria o anelastiche, a seconda della variazione del ricavo totale (che, ricordiamo, è dato da prezzo moltiplicato per quantità).

Quando una diminuzione percentuale del prezzo produce un aumento percentuale della quantità acquistata  tanto grande da aumentare effettivamente il ricavo totale, si parla di domanda elastica.


Quando una diminuzione percentuale del prezzo produce un aumento percentuale della quantità tale da compensare esattamente la diminuzione percentuale del prezzo, lasciando quindi invariato il ricavo totale, si parla di elasticità unitaria della domanda.

Quando una diminuzione percentuale del prezzo produce un aumento percentuale della quantità talmente piccolo da far diminuire il ricavo totale, siamo in presenza di una domanda anelastica.


Il fatto che la domanda di un determinato bene appartenga all’una o all’altra di queste categorie dipende dal tipo di bene che stiamo osservando, dato che ovviamente i consumatori reagiranno diversamente nell’orientare i loro acquisti.